News

Notizie da Gruppo IFFI e dal mercato immobiliare

Differenza tra prima casa e abitazione principale

casa soldi

Prima casa e abitazione principale: quali differenze e quali agevolazioni

Prima casa e abitazione principale possono sembrare la stessa casa (cosa) ma in realtà non è così ed è importante conoscere la differenza per comprendere quando si applicano le agevolazioni fiscali previste dalla legge (per esempio in materia di imposte ipotecarie e catastali e di Imu).

Prima casa: cos’è

Per prima casa (rilevante ai fini delle imposte indirette, quindi imposte di registro, ipotecarie, catastali ed Iva), si intende la prima abitazione nel Comune in cui si è acquistato. La prima casa è quindi la prima abitazione di proprietà. Tutti gli immobili acquistati successivamente, sono “seconde case” e ad esse non si applicano le agevolazioni previste per la prima.

La prima casa può anche essere contestualmente abitazione principale, ma non è necessariamente così.

Abitazione principale: cos’è

Per abitazione principale si intende il luogo in cui il soggetto ha la propria residenza o dimora abituale. Per abitazione principale si intende infatti l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. La dimostrazione che un immobile è destinato ad abitazione principale è data infatti dal certificato di residenza che attesta, appunto, il periodo di residenza anagrafica stabile presso una determinata abitazione.

Agevolazioni prima casa

L’acquisto della “prima casa” è soggetto a vantaggiosi benefici fiscali. Se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva:

imposta di registro proporzionale nella misura del 2% imposta ipotecaria fissa di 50 euro imposta catastale fissa di 50 euro

Se si acquista da un’impresa, con vendita soggetta a Iva:

Iva ridotta al 4% imposta di registro fissa di 200 euro imposta ipotecaria fissa di 200 euro imposta catastale fissa di 200 euro

Affinchè si possa parlare di prima casa è necessario che:

l’immobile non sia di lusso l’acquirente non possieda altro immobile abitativo nello stesso comune l’acquirente non possieda altri immobili, su tutto il territorio nazionale, acquistati con l’agevolazione “prima casa”. l’acquirente abbia la residenza oppure lavori nel Comune ove è situato l’immobile oppure vi trasferisca la residenza entro 18 mesi dall’acquisto.

Agevolazioni abitazione principale

La rendita catastale dell’ abitazione principale è esonerata dall’Irpef e dalle

addizionali regionale e comunale. L’abitazione principale è inoltre esente da Imu. I Comuni possono prevedere riduzioni o agevolazioni per le imposte locali

sull’abitazione principale (per esempio per la Tari).

Articolo di M.Monteleone letto su La Legge per tutti:

https://www.laleggepertutti.it/178902_differenza-tra-prima-casa-e-abitazione-principale